La Società di Letture e Conversazioni Scientifiche nacque a Genova nel 1866 in un momento di evoluzione e di fermento culturale, dopo il compimento dell’Unità d’Italia. La sua storia prese avvio da un gruppo di professionisti, accademici, imprenditori e amministratori che si riunivano nel retro della libreria Beuf (oggi Libreria Bozzi, in via Cairoli), per leggere riviste nazionali e internazionali e discuterne. La Società divenne nel tempo importante centro di aggregazione e di confronto per il ceto dirigente urbano anche per la costituzione di una importante biblioteca tutt’ora esistente. Ad essa diedero un convinto e prezioso contributo di adesione e collaborazione, tra gli altri, Giuseppe Garibaldi, Giosuè Carducci, Giuseppe Verdi, Nino Bixio, Ruggero Bonghi, Giacomo Doria, Antonio Fogazzaro, Arturo Issel, Eduardo Maragliano, Eugenio Montale, Enrico Morselli, Aurelio Saffi, Jacopo Virgilio. Dopo un periodo molto travagliato tra le due guerre mondiali, la Società ha ripreso, negli anni Cinquanta, l'attività che prosegue tutt'ora con gli appuntamenti quindicinali presso la Sede di Palazzo Ducale, ospitando conferenze di carattere scientifico, economico, culturale. 

Eventi in programma


L'enigma del Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa

 

 Martedì 19 febbraio, ore 18

con Quinto Marini

 

Cosa ce ne possiamo fare dell'Europa?

Martedì 26 febbraio, ore 18

 

 

con Marco Cappato.

Introduzione di Beppe Pericu.